Tradizioni

Articoli

  13 gennaio , 2008       piero.devita       Attualità, La nostra storia, Tradizioni    0 Commenti
17 GENNAIO- PROGRAMMA FESTA DI S.ANTONIO ABATE

Presentiamo il Programma riguardante la Festa di S. Antonio Abate (Sant’Antùne).

Dopo diversi anni si ripropone la tradizione del Palio, la famosa corsa.

Raduno presso Piazza della Repubblica. Partenza dalla Pretura. Itinerario per i gironi e il Bastione.

Arrivo all’antica Piazza Progresso e Benedizione degli animali, di tutti gli animali.

Trò- Trò-Trò/ chi bello cavallo chi passa mò”. Nostre poesie in dialetto trebisaccese e in lingua.

Conferenza stampa presso il Comune con la Giunta, i giornalisti, la Parrocchia S. Nicola di Mira,

l’Albero della Memoria, il Museo d’arte olearia e cultura contadina “L. Noia”.

Continua incessante il Progetto “ Difendiamo la nostra Fede. Difendiamo le nostre radici.

Valorizziamo le nostre tradizioni” elaborato da Mons. Francesco Morano e Piero De Vita,

con l’ausilio dei collaboratori parrocchiali, giovani dell’Albero della Memoria e Amministrazione Comunale di Trebisacce.

Successo e grande partecipazione popolare ad ogni iniziativa finora proposta.

                                                                                          

 

                                                                                                                P R O G R A M M A

 

 

Comunita’ Parrocchiale S. Nicola di Mira- Trebisacce –Centro Storico
in collaborazione con
L’Albero della Memoria- Trebisacce
 
e
il Patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Trebisacce
 
 
INIZIO FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SANT’ANTÙNE
 
Domenica 13 Gennaio
 
ORE 8,30 -Prima S. Messa / Ore 10,30- S. Messa Solenne

Ore 11,30 – La Statua di S. Antonio Abate verrà portata in processione dalla omonima Cappella alla Chiesa Madre

 
 
17 GENNAIO: FESTA DI S.ANTONIO ABATE
 
 
Ore 10,30 – Santa Messa Solenne

Ore 15,00 – PALIO DI SANT’ANTÙNE (antica tradizione)

Ore 15,30 – Cavalli, muli e asinelli al trotto “Trò-Trò-Trò /chi bbelle cavallo chi passa mmò”

                     Raduno Piazza della Repubblica

                     Partenza dalla Pretura. Itinerario: gironi e Bastione.

                     Arrivo nell’antica Piazza Progresso

                     Tradizionale Benedizione di tutti gli animali. con tre giri devozionali, attorno alla  

                     Chiesa e alla Cappella del Santo.
 

Ore 16,00 – Giochi popolari (tire d’a corda, ruppa pignàta, zumpa c’u sacche e altri)

                     a cura di Giuseppe Malatacca, Francesco Motta e i giovani dell’Albero della Memoria

Ore 17,00 – Incanto dei prodotti della nostra terra, offerti in devozione dai fedeli.

                   a cura del Battitore Filippo Garreffa e la Commissione Feste della Parrocchia

 

A conclusione dell’Incanto, la Statua del Santo sarà accompagnata nella omonima Cappella

 
Ritroviamoci tutti insieme col Gruppo “ I Suoni del Pollino” di Astorino-Rusciano-Adduci-Fasanella
 

* Presterà servizio la Banda Musicale “ Città di Trebisacce”

* Fuochi pirotecnici a cura della Ditta Ippati di Lauropoli

 
 
Difendiamo la nostra Fede.
Conserviamo le nostre Radici.
Valorizziamo le nostre Tradizioni.
 
 

-Tutti i collaboratori parrocchiali     - L’Albero della Memoria    - L’Amministrazione Comunale di Trebisacce

 ________________________________________________________________________________________________________________________________

              

                        Don Joseph Vanson benedice gli animali

 

                       

                  Mario Aloia sempre presente ad ogni festa popolare

 

 


 


PIERO DE VITA

 

POESIA: "FESTA 'i SANT’ANTÙNE"

 

 

Sant’Antùne mašchere e ssùne/ rravugliàme i maccarùne.

 U mirizze va p’a vìje /và dicenne “o bene mije”.

Maccarùni ‘nt’u timpagne /a Sant’Antùne non c’è sparagne.

A ttante ca su bbuni /ghinchie curme i piattùni 

case-ricotta e suche russe  /ni guntàme tutte u musse

 Sant’Antùne mašchere e ssùne / si ricrìjene i guagnune.

 

Trò-trò-trò,  /sapìme cu vìne mò?

Ripàmene a rràse u mure / stane rivenne i cavarcatùre.

Truzze-truzze-truzze/ quisse sùne i pidicuzze.

Trazzi-trazzi-trazzi / sìnte come fišchene i scriazzi.

Sona sona i cioncianelle  /senza mmaste e senza sella.

C’è ggune a ngroppa stàde a mpizze / fa ggirà tunne la capìzze.

Capizza e capizzella /c’è ppure na ciucciarella

tutta ĉhine i zigarella/ ohimmena quante jè bbella.

 ‘Ntinca ‘ntinca la campanella/ fane tre giri nturne a Cappella.

 

Sant’Antùne – Sant’Antùne  /quanti ggente chi cci sùne.

Annante a Chisia tutti quante / c’è Don Ciccio cu ll’acqua santa

a lli nimàghe e a lli  patrùni / ni dade a tutte a binidiziùni.

Nturne a Chìsije pi ddivuziùne/ n’ate tre giri a ppidùne

pu cu signe di lla cruce/ ni sbijàme duce-duce. 

Tutti i ggiuvene mane a mane/ fane i juche pajisàne

jìntre i sacche fane i gàre/ si munzèllene pàre-pàre

strìngene u cucchiàre cu ll’ove vullùte/e pi nterra onn’è cadùte

tira fune e ruppa pignàta/ pure stanne s’hane ricrijàte.

 
Sant’Antùne mašchere e ssùne /ni mangiàme i maccarùne

Curre ampressa mìttete annante /ca mò ccummenzede pure u Ncanto.

Guglie, galle e zuprissàta   /u portafoglio s’è sdivacàte.

Pàpere, paghumme  e dduje cunigli  /jamme bella o lasse o pigli.

gune, duje e ttrìje, /stu  prisùtte jè ddu mìje.

Quanta rrobba in grazia i Dije /damì nnu picchie pure a mmìje

cullùre i zazizza e cannàta i vvìne /tiràme fine a cramatìne

cu tammurre e gariganetta /ni facìme a casa netta.

 

C’era na vota a Cavallarìa /bella Corsa via-via

fuje-fuje pi girone / da Pritùra a llu Bastione.

Quanne tutte avì finìto/ c’ere gune mazzupìte

si sintì nu raglia-raglia/ fisse-fisse è Cannighivàre i paglia.  

 

Vine, curre, statte tìse / curre a nn’ora nu pajìse.

Chi bbelle feste chi si fàne  /tutte ll’anne i rispittàme

U sapìtese chi vi dìche? /non s’hane perde i tradiziuni antiche,
quisse jè na cose juste/ quìsse jè u pajìse nuste

Sant’Antùne mašchere e ssùne / rravugliàme i maccarùne.

 


 


PIERO DE VITA
 
AI FIERI TREBISACCESI
 
 
I

Un popolo che ignora la propria storia

dissemina ricchezze straordinarie

e mette in fuga se stesso.
 
                                                                 Ignorare la storia del proprio paese
significa non avere un nome ed un cognome,

significa camminare nel buio, senza orientamento,

senza alcuna radice e identità.

 
II

Non rimuovere il passato e le pure tradizioni.

Conserva la lingua del tuo popolo

onora ogni sillaba, ogni vocale.

Parla il tuo dialetto, è il suono fraterno,

è la creatura che svela la nostra presenza nel mondo.

Ricorda i luoghi, le persone, i venti.

Ripensa i colori, gli odori.

Ascolta ogni pietra, ti parlerà ancora e sarà nuova luce.

 
Non separarti mai dalle orme

sulle quali hanno camminato i tuoi avi,

i tuoi nonni, tuo padre e tua madre

che hanno costruito la strada

dove oggi poggiano i nostri piedi,

si posano i nostri occhi ed i nostri sguardi,

su cui riprendono fiato i nostri sogni

e si ritrova il nostro candido orgoglio.

 
III

Il futuro è già in noi,

come un grappolo
copioso e sicuro.
 
Continua ad amare il tuo paese,

nutrilo come una devozione.

Non disperdere il dolore, la rivolta, il pianto ed il canto.

Difendi la terra dove sei nato, Figlio mio,

e sia patto antico tra uomini forti,

la goccia di sangue che germoglia nuove primavere.

 

A Voi. A tutti Voi, questa perenne dichiarazione d’amore.

 
 
da « IL PAESE DELLA CORALITA’ »
 

 

Commenti

In questo momento non sono presenti commenti!

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: