Home

Articoli

  22 ottobre , 2011       piero.devita       La nostra storia    1 Commenti
LUTRI ALFREDO SANTINO - INAUGURAZIONE MONUMENTO E VILLA COMUNALE

TREBISACCE
* * *

PUBBLICHIAMO IL MANIFESTO DELLE CELEBRAZIONI DEL 3 E 4 NOVEMBRE 2011


INAUGURAZIONE MONUMENTO E VILLA COMUNALE

AL BERSAGLIERE
ALFREDO SANTINO LUTRI


 DI TREBISACCE

MEDAGLIA D'ORO AL VALORE MILITARE
EROE NAZIONALE
PRIMO CADUTO CAMPAGNA DI RUSSIA


BERSAGLIERE ALFREDO S. LUTRI
*

Nato a TREBISACCE - 1 NOVEMBRE 1918

Caduto a POKROWSKOJE - 11 AGOSTO 1941 (fronte russo)

* * * * *

MOTIVAZIONE DELLA MEDAGLIA D'ORO:

« Motociclista in esplorazione avanzata, fatto segno ad intenso fuoco dal nemico in agguato, persisteva nel suo compito di ricognizione, finché veniva colpito gravemente insieme al suo compagno di macchina. Con supremo sforzo riprendeva la guida della motocicletta per comunicare al proprio comandante l’esito della ricognizione e per portare in salvo il compagno. Si abbatteva morente subito dopo, ma accennava soltanto  alla ferita  del compagno perché gli fosse data la precedenza nelle cure. Magnifico esempio di dedizione al dovere, di spirito militare e di cameratismo fino al supremo sacrificio. - Pokrowskoje (fronte russo), 11 agosto 1941-XIX »




  • LUTRI ALFREDO SANTINO - INAUGURAZIONE MONUMENTO E VILLA COMUNALE
  • LUTRI ALFREDO SANTINO - INAUGURAZIONE MONUMENTO E VILLA COMUNALE
  • LUTRI ALFREDO SANTINO - INAUGURAZIONE MONUMENTO E VILLA COMUNALE
  • LUTRI ALFREDO SANTINO - INAUGURAZIONE MONUMENTO E VILLA COMUNALE

Commenti

Antonio Cavallaro
domenica 23 ottobre 2011 06:25
Il centro urbano della Trebisacce del dopo-guerra è nato e cresciuto attorno alla via dedicata a questo autentico eroe, morto in una guerra che non gli apparteneva, frutto di una scellerata scelta di un'ancor più scellerato governo nazionale. Nella motivazione della medaglia d'oro è chiaramente esplicitato il coraggio del giovane nel portare a termine il suo compito, seppur gravemente ferito; ma ancor più encomiabile appare la sua richiesta di soccorrere prima il suo compagno. Tutti i trebisaccesi andando alle urne dovrebbero avere sempre presente questo giovane morto (insieme a tanti altri) per colpa della follia nazi-fascista, che certamente avrebbe preferito vivere più a lungo ed in pace

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: