Home

Articoli

  03 dicembre , 2009       redazione       Attualità    0 Commenti
OSPEDALE- INIZIATI  I  LAVORI
Trebisacce/ Ospedale - Al via i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza del blocco operatorio       
Scritto da Pino La Rocca    
Sono finalmente iniziati ieri mattina, dopo ben quattro mesi di attesa, i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza del blocco operatorio, chiuso, come si ricorderà, dai primi di luglio a seguito dell’ispezione dei Nas. Ne ha dato notizia il sindaco di Trebisacce Mariano Bianchi proprio dalla sede del Chidichimo dove si era recato insieme al vice-sindaco Graziano Mandaglio per rendersi conto di persona dell’avvio dei lavori e della tipologia degli interventi che si intendono realizzare. Lavori che saranno eseguiti dall’impresa Giafra di Cosenza che si è aggiudicata l’appalto per la somma complessiva di 414mila euro. «Proprio stamattina – ha affermato Bianchi – avevamo effettuato, insieme all’On. Franco Pacenza, l’ultimo sollecito nei confronti del DG Petramala, al quale risultava però che i lavori fossero già iniziati. Ho comunque avuto assicurazioni, – ha aggiunto il sindaco Bianchi – prima da Petramala e oggi dallo stesso direttore dei lavori ing. Presta, che si tratta di lavori abbastanza complessi che interesseranno tutto il blocco operatorio e non la sola sala di emergenza. Lavori che prevedono anche la demolizione di alcuni tramezzi ed il rifacimento degli impianti elettrici, idrici, di trattamento dell’aria ed altro ancora.
Per stare più tranquilli – ha rivelato Bianchi - ho chiesto allo stesso ing. Presta la consegna ufficiale degli elaborati tecnici esecutivi, anche per avere contezza e poter seguire passo passo i lavori che vengono eseguiti e che dovranno sfociare nella riapertura dei reparti chiusi. Le trattative con l’azienda vanno infatti avanti in modo serrato – ha aggiunto il primo cittadino – e abbiamo avuto conferma che il nostro ospedale sopravviverà alla bufera che si sta abbattendo sulla sanità calabrese. C’è infatti l’impegno che subito dopo saranno eseguiti anche i concorsi per coprire i posti vacanti dei primari.
Tutto questo – ha assicurato il sindaco Bianchi evidentemente imbeccato dal consigliere regionale Pacenza – trova conferma nella notizia circolata proprio ieri mattina che in Calabria sono stati chiusi cinque piccoli ospedali e che altri sette saranno chiusi entro la fine dell’anno. E tra questi ospedali, questa è la notizia, non c’è e non ci sarà il “Chidichimo”.
Noi comunque, come conferenza dei sindaci, - ha concluso il sindaco Bianchi - restiamo in posizione di allerta e non abbassiamo la guardia. Chiedo pertanto suggerimenti e collaborazione da parte del personale medico per formulare una nostra proposta sanitaria che possa essere compatibile con gli interessi dell’Asp e possa assicurare un futuro al nostro ospedale».

(Pino La Rocca)

 

 

( Nota di Redazione "trebisacce.info"-PDV)

PERCHE' SI INDUGIA ANCORA SU UNA FUTURIBILE PROPOSTA SANITARIA? QUESTA C'E' GIA'!!!... E' QUELLA DELLE ASSOCIAZIONI, ILLUSTRATA NEL CORSO DELLA MANIFESTAZIONE DI GIORNO 11 NOVEMBRE 2009. E' QUELLA INVIATA A TUTTI I SINDACI DELL'ALTO JONIO. E' QUELLA CHE RISPETTA LA LEGGE. INVIATA A PETRAMALA, A LOIERO, A OLIVERIO, AL SIG. PREFETTO DI COSENZA. ASSICURA PRESENTE E FUTURO DEL NOSTRO OSPEDALE. COMPATIBILE Sì CON GLI INTERESSI DEGLI UTENTI, I MALATI. COMPATIBILE CON IL DIRITTO ALLA SALUTE DELLE POPOLAZIONI DELL'ALTO JONIO E NON CERTO CON GLI INTERESSI DELL'ASP ( ALIAS, AL MOMENTO, UN CERTO GRUPPO DI...POTERE NELLA SANITA' CALABRESE E COSENTINA, IN PARTICOLARE).

 


Commenti

In questo momento non sono presenti commenti!

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: