Home

Articoli

  08 dicembre , 2012       piero.devita       Tradizioni    0 Commenti

PUBBLICO QUESTA POESIA SUL PRESEPE E SUL NATALE
IN DIALETTO TREBISACCESE
PER SODDISFARE TANTE RICHIESTE DI AMICI
E FAMIGLIE DI NOSTRI SCOLARI


*  *  *


‘U PRESEPIO:

SPITTÀME ‘U SANTE BUMMÌNE

( Piero De Vita)



Spittàme. Spittàme.

Tutte l’anne spittàme

e cose bbone spiràme.

Nascede n’ate vote‘u Bomminìlle

e si ppùntede ‘nt’i core chiù bbille.

Sante Natale sta rivenne

                                  ‘nt’a tutte ‘i case fa gira-gira-girenne.

‘U presepio è fatto. Mamma meja ha fatto.

Ci ha mìse ‘i picurelle e llu picuràro

i gallinelle e llu zampugnàro

‘u furgiaro e lu panittire,

 a guagninella cu ciarròne e llu carrittìre

‘a fìmmene cu ‘i linne ‘n capa e lla sporta

u jazze senza patrùne e senza porta.

Currede l’acqua a sutte u ponte

i paparelle ci vàne a bbìve pronte-pronte

gira-gira ppure a rota du mulìne

 i lucicelle fane ppiccie e stùte fino a matìne.

Quante su virtirùse i mane ‘i sta Signùra.

Ha fatto ‘u presepio e lla grutta pure.

‘a Madonna e San Giseppe ci ha mise

e ll’angiulille stane tìse-tise

  ciucciarille e vojicìlle jàtene forte

cavidìjene l’aria fridda e stane accorte.

‘A mangiatura è bella e priparata

pi ssu jurne tante disidiràte.

Ntaratanta Mamma tutto ha cunzàte

Sante Bummìne va pi nnumminàte.

Pi tutte ‘u pajìse ha dd’arrivà

salute e ricchizza ha dda purtà

Spiràme c’u bbene  e ccu bùne

pi cristiàne granne e pi guagnùne.

Mane a mane core ricrijàte

da Mamma meja a quille i ll’ate.

                                        (Piero De Vita)

 

Commenti

In questo momento non sono presenti commenti!

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: