Archeologia

Articoli

  13 settembre , 2010       piero.devita       Arte, Archeologia    0 Commenti

 

BROGLIO IN FESTA - CAMPAGNA SCAVI 2010
 
Sabato 18 Settembre, il Parco Archeologico di Broglio di Trebisacce apre le porte al pubblico per una giornata di festa all'insegna dell'archeologia, dello spettacolo e della buona enogastronomia locale.

Sin dalle ore 17:00 l'equipe archeologica diretta dal Prof. Alessandro Vanzetti effettuerà le visite guidate nell'area del Parco, con approfondimenti circa gli scavi, attualmente in corso con la 28° campagna. Le visite si prolungheranno fino alle 19:00 e termineranno con un saluto agli ospiti da parte di tutta l'equipe di scavi.
 

Alle ore 20:00, con alle spalle uno splendido panorama della Piana di Sibari, i Te_Atri_35 metteranno in scena “Le rodomontate di Capitan Spaventa”: una performance per tutte le età che va oltre il linguaggio della Commedia dell'Arte, incontrando la musica, il comico e il gusto per il surreale dell'immaginario contemporaneo.
Intanto, alle 20:30 apriranno gli stand enogastronomici con i quali l'Ass. Cult. Rizoma ha inteso approntare il menu della serata: quello dell' “I.P.S.I.A. - RISTORAZIONE” di Trebisacce che proporrà alcuni piatti caldi basati su prodotti locali, quello del Ristorante “Orto della Signora” di Villapiana per una degustazione di ottimi vini, formaggi e salumi tipici e, infine, quello di prodotti ittici proposto dalla Ditta del Sig. Garoppo di Trebisacce (gli altri partner sono: gli Artigiani del Pane e il Bar Impero di Trebisacce, l'Azienda vinicola Troiano di Amendolara).
 

Per concludere, alle 22:00, concerto di Paolo Benvegnù con una tappa del tour “Dissolution Live”, che, per la sua qualità di esecuzione e il grado di raffinatezza raggiunta, è stato da poco trasformato in un disco, raccolta della migliore produzione del songwriter nostrano. Benvegnù sale sul palco con una band di 7 musicisti, migliorando l'assetto della classica band rock (batteria, chitarre, basso, tastiere e voce) con l'inserimento di archi e fiati: il risultato è un'autobiografia rock suadente che si apre a stupefacenti aperture melodiche.
Sensibilizzazione e divertimento consapevole sono le due parole chiave: la cittadinanza potrà scoprire l'importanza di uno dei più importanti siti archeologici della protostoria italiana (ospitante un villaggio degli Enotri) in un clima effervescente di intrattenimento, di condivisione collettiva della storia e di riscoperta e riutilizzo sociale dei luoghi del territorio.

 

Commenti

In questo momento non sono presenti commenti!

Inserisci un commento

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Sito Web

Immagine CAPTCHA
Inserire il codice di controllo: